Beato tra le donne debutta nel 1994 con le provocanti spintarelle

Siamo nel 1994 quando la Rai lancia un nuovo programma estivo che sarebbe diventato uno dei tormentoni delle estati italiane. “Beato tra le donne” parte con un giovane Paolo Bonolis alla conduzione: si può dire che, da questo momento, la carriera del presentatore romano comincia a schizzare verso l’alto, fino a diventare, oggi, uno dei più noti e seguiti presentatori televisivi.

Ripreso dal format originale tedesco “Mann-o-Mann”, il programma prevede una serie di prove che hanno come protagonisti dai 10 ai 12 concorrenti di fronte ad una platea di agguerritissime giurate che, al termine delle performance, giudicano i vari protagonisti. I partecipanti attendono l’esito dal bordo di una piscina, e qui compaiono le famose “spintarelle” di “Beato tra le donne”, ovvero il corpo di ballo mozzafiato che con un bacio salva il concorrente, mentre con una spinta in acqua ne decreta l’eliminazione. E chi non si sarebbe fatto un bagno con una delle splendide e avvenenti spintarelle della trasmissione delle estati degli Anni ’90?