Meravigliose Figurine per le mie Ricerche: Wikipedia negli Anni '80.

Quando non c’erano il web e Wikipedia, questi albi erano fondamentali per le ricerche scolastiche.

Tutti coloro che sono stati studenti della scuola elementare o media negli Anni ’80, ricorderanno certamente che spesso gli insegnanti assegnavano delle ricerche da compiere sui temi più svariati: dalla scienza alla natura, passando per la geografia alla storia, si dovevano realizzare una sorta di piccoli reportage con informazioni e fotografie/immagini corredate di didascalie.

Oggi sarebbe stato facilissimo portare a termine le ricerche: sarebbero bastati un paio di click per accedere a Wikipedia e alle immagini di Google per scaricare nozioni e foto da applicare sui compiti da consegnare in classe al docente. Invece negli Anni ’80 il mondo della tecnologia non veniva in soccorso degli alunni: e come si faceva? Indubbiamente si ricorreva alle grandi e voluminose enciclopedie che si tramandavano di generazione in generazione, o che si potevano acquistare in “comode” rate. Oppure c’erano i libri illustrati come “I Quindici”, “Il Grande Libro” o “Conoscere” che presentavano anche delle foto dettagliate.

In alcuni casi si era costretti a comprare riviste e giornali specializzati, per ritagliare gli scatti inerenti la ricerca in questione, da incollare ordinatamente sui quadernoni, alternati al testo scritto. Insomma, era una vera e propria “faticaccia” portare a termine il proprio compito senza internet! Ma proprio negli Anni ’80, in soccorso di tutti gli scolari venne una nuova linea editoriale che, ad oggi, potremmo definire un po’ la “Wikipedia cartacea” quando non c’era il web.

Si chiamava “Meravigliose Figurine per le mie Ricerche” e in diversi casi ha rappresentato un ottimo salvacondotto per accontentare le richieste degli insegnanti e, perché no? Guadagnarsi anche un bel voto in pagella.

Meravigliose Figurine per le mie Ricerche: quando non c'era Wikipedia.
Meravigliose Figurine per le mie Ricerche: quando non c’era Wikipedia.