Scuola di Ladri: le principali curiosità

  • In questo film Massimo Boldi, Lino Banfi e Paolo Villaggio lavorano per la seconda volta insieme dopo “Pompieri”. Successivamente torneranno sul set per girare “Pompieri 2”. Banfi e Villaggio, invece, hanno lavorato in diverse occasioni fianco a fianco, come nel mitico “Pappa e Ciccia”. Per quanto riguarda Boldi e Villaggio, sono stati protagonisti del secondo capitolo di “Scuola di Ladri”, nel quale non è presente Lino Banfi. Il sequel ebbe meno successo rispetto al primo film.
  • La sceneggiatura di questo storico film ha delle firme d’autore, ovvero quelle di Castellano & Pipolo. Considerati come i “padri” della commedia italiana, hanno scritto e diretto circa 100 film, tra i quali ricordiamo “Grandi Magazzini”, “Grand Hotel Excelsior” e “Il ragazzo di Campagna”. Per quanto riguarda Pipolo c’è una particolare curiosità: il suo vero nome era Giuseppe Moccia, ed è il padre di Federico Moccia, scrittore e regista diventato famoso a partire dal film “Tre metri sopra il cielo”.
  • Bruno Zambrini, autore della colonna sonora di “Scuola di Ladri”, è un altro grande nome della commedia nostrana. Il compositore ha scritto musiche per più di 40 pellicole, e soprattutto ha lavorato a quelle dell’indimenticabile saga di Fantozzi.
  • La mitica scena in cui Lino Banfi cerca di truffare un milionario americano, vendendogli il penitenziario di Regina Coeli, è un omaggio ad un grande film. Stiamo parlando di “Totòtruffa 62”, nel quale Totò cerca di vendere la Fontana di Trevi ad un ignaro turista.
  • Rimanendo sulla scena del carcere, tra i detenuti che Banfi chiama ad alta voce affinché si compia la sua truffa, si può sentire anche la voce di Francesco Salvi, il quale chiude con il suo tormentone “e son contento!”
  • Il successo di “Scuola di Ladri” è indubbiamente legato al talento dei tre protagonisti e di Enrico Maria Salerno. Tuttavia c’è da dire che l’intero cast è di livello. Ricordiamo, infatti, che hanno lavorato a questo film anche Antonio Allocca, Ennio Antonelli e Dino Cassio, ma soprattutto c’è Claudio Boldi, fratello di Massimo, nella parte del poliziotto.
Scuola di Ladri: la scena della truffa del carcere.
Scuola di Ladri: la scena della truffa del carcere.