Beetlejuice: 10 cose da sapere sul film del 1988.

In attesa di capire se verrà realmente girato il sequel, ecco cosa c’è da sapere su Beetlejuice.

Nel 1988 (quasi trent’anni fa) sbarcò al botteghino un film di Tim Burton destinato ad entrare nella storia del cinema. Stiamo parlando di “Beetlejuice”, commedia grottesca, a tratti noir, ma al contempo piuttosto divertente che vantava nel cast nomi di un certo livello quali Winona Ryder, Michael Keaton, Geena Davis e Alec Baldwin (solo per citarne alcuni). Ai Premi Oscar dell’anno successivo, la pellicola si aggiudicò una preziosa statuetta nella categoria “Miglior Trucco”.

Osannato da critica e pubblico, “Beetlejuice” solo nella prima settimana di proiezione negli Stati Uniti guadagnò ben 8 milioni di dollari, arrivando ad un incasso complessivo di circa 73 milioni solo nell’America Nord. Il successo commerciale della pellicola è confermato dagli enormi introiti raggiunti, a fronte di un budget iniziale di 13 milioni di dollari, piazzandosi al decimo posto nella classifica dei film con il maggiore incasso del 1988. Di recente, la pellicola di Tim Burton è stata inserita dall’AFI’s 100 Years…100 Laughs, all’ottantesima posizione tra le migliori commedie statunitensi di tutti i tempi, confermando come l’opera cinematografica sia ormai diventata un vero e proprio cult del suo genere.

Nell’attesa di capire se e quando verrà prodotto e girato “Beetlejuice 2” tra conferme, smentite e dubbi di alcuni storici protagonisti quali Michael Keaton e Winona Ryder, scopriamo alcune curiosità sulla storica commedia del 1988.

La sceneggiatura originale era molto più dark

Ancora oggi, nonostante tratti argomenti piuttosto “oscuri” come quelli legati alla morte e ai fantasmi, “Beetlejuice” viene indicato come un film commedia. Tutto ciò si è verificato perché la produzione bloccò lo script iniziale, che presentava un numero decisamente più ampio di scene cruente, che avrebbero rischiato di classificare la pellicola come “horror”. Ad esempio, Michael Keaton ha rivelato che, inizialmente, il suo personaggio era stato immaginato come un demone alato di forma umanoide che, nei tratti, avrebbe richiamato quelli di un bell’uomo del Medio Oriente. Inoltre, nella scena in cui Beetlejuice cerca di convolare a nozze con Lydia Deetz, era previsto che Betelgeuse violentasse la ragazza.

BeetleJuice: in origine la trama era più noir.
BeetleJuice: in origine la trama era più noir.