Innamorato Pazzo: 5 cose da sapere sul film del 1981.

La coppia Muti-Celentano fece parlare molto di sé, e non solo per il film: ecco 5 curiosità sulla pellicola Anni ’80.

Negli Anni ’80 Adriano Celentano, ormai affermatosi come grande cantante, è stato protagonista anche di numerosi film-commedia che hanno riscosso grande successo e che, nel tempo, sono diventati dei veri e propri cult del settore. Del resto non è un caso se ogni volta che queste pellicole vengono riproposte in Tv riescono ad ottenere costantemente ottimi risconti in termini di ascolti e share. Tra questi ormai leggendari lungometraggi figura indubbiamente anche “Innamorato Pazzo” che, dopo il boom de “Il Bisbetico Domato”, ripropose sul grande schermo, nel 1981, la coppia Adriano Celentano-Ornella Muti.

Si tratta di una sorta di favola ironico-sentimentale, che ha tratto gran parte della sua popolarità sia dal talento che dal grande affiatamento tra i due protagonisti. In breve, la storia di “Innamorato Pazzo” comincia con l’approdo a Roma di Cristina, bellissima principessa del regno di Saint Tulipe, e di tutta la famiglia reale. In realtà, il padre della giovane aristocratica è giunto nella capitale perché, vessato da difficoltà economiche, vorrebbe ottenere un enorme prestito di 50 miliardi di lire, per evitare che il suo principato possa andare incontro ad un’insanabile crisi. La giovane, intanto, è promessa sposa ad un ricco imprenditore militare; il classico matrimonio combinato tra famiglie della nobiltà. Cristina, che ha sempre avuto un carattere piuttosto ribelle, si annoia di continuare a seguire la rigida etichetta di corte anche a Roma, e decide di allontanarsi per un po’ e di concedersi un bel giro turistico per le strade della città capitolina. Quando sale su un autobus, si imbatte per caso nel simpatico e anticonformista conducente Barnaba Cecchini, e questo incontro cambierà le vite di entrambi.

L’uomo fin da subito perde la testa per quell’affascinante fanciulla, di cui non conosce la vera identità. E così, in una lunga e divertente sequenza, Cristina e Barnaba si concedono un giro turistico, da soli, a bordo del pullman. Nel frattempo a corte, quando Gustavo si rende conto che la figlia è sparita, fa sì che le forze dell’ordine si mettano in moto per trovarla e portarla a casa sana e salva, per evitare che scoppi uno scandalo. Dopo un po’ di tempo però, la principessa decide di rientrare, lasciando da solo Barnaba che, disperato, la cerca per tutta la città. Uno dei momenti più belli di “Innamorato Pazzo” è la serenata dedicata dal protagonista alla sua amata, e il successivo invito ad un pranzo di Stato, durante il quale finge di essere un grande esperto di politica ed economia.

Grazie alla sua brillantezza, l’autista riesce a conquistare i favori anche della famiglia reale e, al contempo, trova il modo per ottenere l’ingente somma di denaro di cui ha bisogno il principe per salvare le sue finanze. Quando la relazione tra la principessa e il tranviere diventa di pubblico dominio, l’uomo lancia un accorato appello a tutta la città, chiedendo che ognuno doni 10.000 lire per far sì che possa organizzare il loro matrimonio. I romani rispondono all’appello e, mentre i reali stanno per partire, piovono banconote che consentono al principe di accumulare il denaro di cui aveva bisogno.

Dopo aver ripercorso per sommi capi la trama di “Innamorato Pazzo”, andiamo a vedere quali sono le 5 principali curiosità inerenti il film del 1981 diretto da Castellano e Pipolo.

Il palese riferimento al Principato di Monaco

Come tutti ben saprete, il piccolo regno di Saint Tulipe citato in “Innamorato Pazzo” non esiste. Tuttavia sono palesi i riferimenti al Principato di Monaco: innanzitutto la famiglia reale formata da Gustavo, la moglie Betsy e la splendida figlia Cristina, ricorda chiaramente i Ranieri e, in particolar modo, il principe, la consorte Grace Kelly e la figlia Carolina. Inoltre nella pellicola Anni ’80 si parla chiaramente della presenza di un casinò nel regno, ispirato certamente al celebre casinò di Montecarlo.

I reali del film ispirati ai Ranieri di Monaco.
I reali del film ispirati ai Ranieri di Monaco.