Abitudini Anni '90: 10 cose che non si fanno più.

Ecco 10 abitudini diffuse negli Anni ’90 che ora sono letteralmente sparite.

Ogni epoca, ogni periodo storico, porta con sé azioni e abitudini piuttosto quotidiane che, col tempo, risultano quasi spontanee e naturali nella vita di tutti noi. Questa circostanza riguarda, ovviamente, anche gli Anni ’90: qualche decennio fa, infatti, compivamo delle azioni in maniera del tutto spontanea, perché divenute insite nel nostro stile di vita. Come ben sappiamo, era l’epoca in cui la tecnologia non si era diffusa ancora a macchia d’olio, andando a rivoluzionare gran parte del nostro quotidiano, comprese le relazioni interpersonali.

Di conseguenza, negli Anni ’90 eravamo soliti comunicare con gli altri in maniera differente rispetto ad oggi, magari privilegiando il contatto diretto e reale, a fronte dell’enorme diffusione attuale di social network e chat che hanno fatto perdere un po’ il gusto (alle vecchie, ma soprattutto alle nuove generazioni) di coltivare amicizie e conoscenze concrete. Ma tra le abitudini che si sono perse in questi ultimi anni, ce n’è anche qualcuna che allora era ben poco salutare e che, col senno di poi, è stato un bene eliminare.

Detto ciò, saliamo a bordo della “macchina del tempo”, e rituffiamoci nel cuore degli Anni ’90 per rivivere gesti e azioni quotidiane che ormai sono spariti dalle nostre esistenze.

Fumare nei luoghi pubblici

Partiamo subito con una delle abitudini Anni ’90 che, fortunatamente, oggi non fa più parte della vita di tutti i giorni. In quel periodo non era affatto strano né sorprendente trovarsi in luoghi o spazi pubblici perennemente sovrastati da “nuvole di fumo”, o da quella sorta di “nebbia artificiale” causata dalle sigarette. Infatti a quei tempi le varie istituzioni nazionali non erano ancora intervenute con fermezza per dare un freno al triste fenomeno del fumo passivo, introducendo appositi divieti legati al consumo delle “bionde” in luoghi frequentati da altre persone.

Per questo motivo, negli Anni ’90 non era affatto raro, anzi, era abbastanza normale trovare gruppi di persone sedute ad un bar, al ristorante o ad un pub (anche al chiuso), intente a fumare per rilassarsi dopo una bella cena in compagnia di parenti e amici. Oggi, se proprio non si può fare a meno di concedersi una sigaretta, è necessario uscire dal locale in cui ci si trova, consumando la propria “bionda” da soli, sfidando d’inverno anche temperature rigide o il maltempo.

Anni '90: si fumava nei luoghi pubblici.
Anni ’90: si fumava nei luoghi pubblici.