L'uccellino azzurro: cartone Anni '80 denso di significati.

Un cartone animato ricco di simbolismi e spunti di riflessione.

“L’uccellino azzurro” è uno di quei cartoni animati Anni ’80 che ciclicamente andrebbero riproposti in televisione, per far sì che i giovani di tutte le generazioni possano avvalersi dei profondi insegnamenti presenti nella storia. Le sue origini risalgono addirittura agli inizi del Novecento, e più precisamente al 1909, quando il Premio Nobel belga Maurice Maeterlinck scrisse il racconto “L’Oiseau bleu” che nello stesso anno divenne anche un’opera teatrale messa in scena per la prima volta a Mosca. Per la trasposizione animata, invece, si dovette attendere la fine degli Anni ’70 quando fu realizzato l’anime giapponese, trasmesso per la prima volta nel 1980. In Italia, invece, il cartone è arrivato a partire dal 1983, diffuso durante il contenitore per ragazzi “Bim Bum Bam”.

La serie animata “L’uccellino azzurro”, ricca di metafore e simbolismi, si è avvalsa di firme eccellenti. Il regista Hiroshi Sasagawa aveva già lavorato a “Time Bokan”, mentre nel 1976 lavorò a “Il fantastico mondo di Paul” che aveva molti punti di contatto con il cartone animato, tra cui l’ambientazione che porta lo stesso nome in entrambe le produzioni, “Paese delle Meraviglie”. Inoltre Sasagawa ha inserito nell’anime dei riferimenti e citazioni tipici di altri suoi lavori quali “Yattaman”, mentre c’è una palese similitudine tra l’uccellino protagonista del cartoon e il cosmopavone presente in “Calendar Man”.

Leiji Matsumoto, invece, oltre ad occuparsi del disegno dei vari protagonisti, ha inserito nella vicenda una serie di tratti distintivi della sua ideologia, dal rifiuto verso qualsiasi forma di guerra alla denuncia sui danni che ogni conflitto procura a persone innocenti. Sulla scia del regista, anche Matsumoto ha introdotto ne “L’uccellino azzurro” evidenti richiami ad altre sue opere, tra cui non possiamo non ricordare l’astronave Argo che fa parte di “Star Blazers”.

Prima di approfondire il discorso su tematiche e insegnamenti presenti ne “L’uccellino azzurro”, ripercorriamone velocemente la trama, ricordano a tutti coloro che non hanno mai visto l’anime che si tratta di spoiler.