48 Ore: tutto pronto per il remake del film Anni '80.

Ormai è ufficiale: il poliziotto e il detenuto del film Anni ’80 torneranno al cinema.

Dici Eddie Murphy e pensi inevitabilmente ad uno dei grandi protagonisti del cinema internazionale degli Anni ’80-’90, salito alla ribalta grazie a titoli di grande successo come “Una Poltrona per Due”, “Il principe cerca moglie”, “Beverly Hills Cop-Un piedipiatti a Beverly Hills”, “Il bambino d’oro” e tanti altri. Tra le pellicole alle quali ha lavorato l’attore statunitense ce n’è una che, in particolare, ha contribuito a farlo conoscere al grande pubblico, nonché la prima di cui è stato personaggio principale accanto a Nick Nolte: “48 Ore”. Il lungometraggio del 1982 diretta da Walter Hill, grazie ad un brillante mix tra poliziesco e commedia, sarebbe diventato un cult nel suo genere, nonché pietra miliare dei cosiddetti buddy-movie, incentrati sull’amicizia tra due persone dello stesso sesso.

E così il poliziotto un po’ burbero Jack Cates (Nick Nolte) e il ladruncolo mattacchione e dalla risata incontenibile Reggie Hammond (Eddie Murphy) sono diventati dei veri e propri miti del grande schermo, con “48 Ore” che fin da subito riuscì a catalizzare su di sé le attenzioni di pubblico e critica. Ricordiamo che negli Anni ’90 il lungometraggio si meritò anche un sequel, “Ancora 48 Ore” che confermò nel cast i due brillanti interpreti Nolte-Murphy. E come tutti i cult che si rispettino, sulla scia della nostalgia cinematografica che di recente ha riportato alla ribalta “Ghostbusters”, “A-Team”, “Wonder Woman” e tanti altri miti del passato – non tutti vincenti – anche per il film di Walter Hill è stata annunciata la realizzazione di un remake.

Prima di scoprire a chi è stato affidato il progetto legato al ritorno sul grande schermo di “48 Ore”, ricordiamo che il buddy-movie degli Anni ’80 comincia con l’evasione di un pericoloso delinquente che immediatamente si reca a San Francisco per recuperare un cospicuo bottino di un colpo messo a segno in passato. Sulla sua strada, però, incappa nello scontroso poliziotto Jack Cates e nei suoi colleghi: da qui ne scaturisce una sparatoria, durante la quale il personaggio interpretato da Nick Nolte viene addirittura disarmato, mentre due agenti perdono la vita. Dopo questo duro scontro, Cates vuole a tutti i corsi mettersi sulle tracce dell’evaso e del complice, ma per rintracciarlo decide di incontrarsi in carcere con l’unico componente della banda criminale rimasto ancora in vita, Reggie Hammond, ottenendo il suo rilascio per 48 ore (da qui il titolo della pellicola) allo scopo di riuscire a scovare e ad arrestare i criminali. Naturalmente, essendo due caratteri completamente opposti, i due all’inizio mal si sopportano, infatti la loro “conoscenza” scaturisce anche in una vera e propria zuffa in strada, prima di cominciare, a poco a poco, ad apprezzarsi e a diventare grandi e insoliti amici nel corso della storia.

A questo punto, non ci resta che scoprire a chi è stata affidata la realizzazione del remake di “48 Ore”.

48 Ore: si lavora al remake del buddy-movie Anni '80.
48 Ore: si lavora al remake del buddy-movie Anni ’80.