Prince of Persia: si sta lavorando ad un nuovo capitolo?

Un tweet dell’ideatore del videogame, Jordan Mechner, riaccende le speranze dei fan.

È stato il “Principe” per eccellenza dei videogiochi Anni ’90 e anche del primo scorcio dei 2000, il franchising che ha permesso a Ubisoft di incamerare incassi da capogiro, prima di essere sostituito con un altro mito molto più recente, “Assassin’s Creed”. Stiamo parlando ovviamente di “Prince of Persia”, nato nel 1989 da un’idea di Jordan Mechner e divenuto, col tempo, un marchio di caratura mondiale che ha ispirato anche un film nel 2010, “Prince of Persia-Le sabbie del tempo” che, nonostante abbia incassato quasi 340 milioni di dollari in tutto il mondo, ha segnato di fatto la fine del mito.

Difatti proprio nel 2010, in occasione dell’uscita della pellicola diretta da Mike Newell con Jake Gyllenhaal nei panni del protagonista, Dastan, fu lanciato anche l’ennesimo capitolo della lunga saga di videogame, “Prince of Persia: Le Sabbie Dimenticate”, disponibile per Xbox 360, PlayStation 3 e Personal Computer che, però, non fu in grado di ripetere i grandi successi dei suoi predecessori. E così Ubisoft preferì mettere da parte questo storico brand, puntando sul nuovo fenomeno videoludico, “Assassin’s Creed”. Dopo 8 anni di oblio dalla sua ultima apparizione, la celebre saga degli Anni ’90 in questi ultimi giorni sembra essere tornata alla ribalta, soprattutto in seguito ad un tweet piuttosto sibillino del suo creatore che ha fatto sorgere nuovamente la speranza di ritrovare sulle attuali console di gioco un inedito capitolo della serie.

Qualche giorno fa, diversi fan di “Prince of Persia” hanno chiesto su Twitter a Jordan Mechner se potevano continuare a sperare in un ritorno del leggendario guerriero, o se avrebbero dovuto mettersi l’anima in pace per sempre. Tra gli appassionati della leggendaria saga è spuntata anche la modella Chrissy Teigen, alla quale il designer ha dato una risposta che, di fatto, non ha chiuso le porte ad una rinascita del mito. L’ideatore del videogame, infatti, ha scritto di essere ben consapevole della presenza di una folta schiera di persone che attende con ansia di rivedere sulle piattaforme videoludiche una nuova avventura di “Prince of Persia”, aggiungendo un eloquente: “Stiamo facendo del nostro meglio perché ciò avvenga!”.

Naturalmente, questo tweet ha creato fin da subito un tourbillon di emozioni e aspettative tra gli amanti del brand nato nel 1989, e in un battibaleno la rivelazione del suo creatore ufficiale ha fatto il giro del web e del mondo. Tuttavia, dopo poco tempo, c’è stata un’ulteriore risposta giunta dalla Ubisoft Montreal che detiene i diritti del marchio e che ha smentito, di fatto, quanto affermato da Mechner. La multinazionale dei videogiochi, infatti, senza mezzi termini ha detto che purtroppo: “Il franchise di Prince of Persia è ancora in una fase di pausa”. L’azienda sicuramente non aveva alcun interesse a smorzare l’entusiasmo dei fan, però il mistero non è stato ancora svelato, poiché a questo punto ci si chiede come mai siano arrivate, a stretto giro, due reazioni completamente opposte: forse il “papà” del mitico guerriero Anni ’90 si è lasciato sfuggire qualcosa di troppo in anticipo?

Nell’attesa che arrivino ulteriori novità e aggiornamenti su un eventuale ritorno in grande stile di “Prince of Persia”, ripercorriamo la storia di questo videogioco che ha indubbiamente fatto la differenza soprattutto negli Anni ’90.

Prince of Persia-Le Sabbie dimenticate: ultimo titolo del 2010.
Prince of Persia-Le Sabbie dimenticate: ultimo titolo del 2010.