Milli Vanilli: la band che fece gridare allo scandalo.

Dalla fama all’oblio: l’incredibile storia dei Milli Vanilli.

Tra i miti della musica degli Anni ’80-’90, oltre ai grandi artisti che ancora oggi sono amati e seguiti da milioni di fan (o ricordati quotidianamente con affetto se non ci sono più), c’è anche un gruppo pop-dance che ottenne sì un clamoroso successo internazionale, ma che nascondeva un segreto che, una volta venuto allo scoperto, fece sì che il duo passasse alla storia come uno dei più grandi bluff del panorama musicale. Stiamo parlando dei Milli Vanilli che, dopo aver esordito intorno alla fine degli Anni ’80, in un battibaleno scalarono le classifiche di vendita di tutto il mondo, conquistando un’ampia fetta di pubblico e vincendo addirittura un Grammy. Peccato però, che dopo qualche anno si sarebbe scoperto che erano tutt’altro che dei musicisti e cantanti provetti…

La storia dei Milli Vanilli comincia in Germania nel 1988, quando il produttore discografrico Frank Farian scopre un nuovo gruppo qualitativamente di ottimo livello che, però, non ha un’immagine accattivante in grado di conquistare il pubblico. Per questo motivo, il talent-scout si chiede incessantemente se puntare esclusivamente sulla musica della band, rischiando però di andare incontro ad un terribile flop, oppure se porre fine al progetto ancor prima che veda la luce, rinunciando comunque alla prospettiva di guadagnare un bel po’ di soldi. Tuttavia, durante una serata in una discoteca di Monaco di Baviera, giunge l’improvvisa illuminazione: il manager, infatti, scorge due giovani di colore, Fab Morvan (22 anni, francese) e Rob Pilatus (23 anni, tedesco) che non solo risultano fisicamente molto prestanti, ma che dimostrano di essere anche dei ballerini provetti. E così Farian decide di contattarli e convocarli per proporgli quella che, di primo acchito, sembra solo un’idea decisamente folle.

Il produttore garantisce ai due giovani che, appoggiando il suo progetto, potrebbero diventare delle pop-star acclamate in tutto il mondo. I ragazzi sono allettati dalla proposta, ma al contempo ricordano all’uomo che non sono dei musicisti e nemmeno dei cantanti. Il manager però li tranquillizza, dicendogli che il loro compito sarà prettamente “estetico”, dovendo comparire sulle copertine dei dischi e nelle attività promozionali, mentre di testi e musica si sarebbe occupata una vera band. A questo punto, Robert Pilatus e Fab Morvan decidono di lanciarsi in questa nuova avventura, e così comincia ufficialmente la breve, ma intensa esperienza dei Milli Vanilli.

Milli Vanilli: storia della band dello scandalo.
Milli Vanilli: storia della band dello scandalo.