Gomma ottagonale blu: come usarla correttamente.

Ricordata per essere una gomma che “cancellava” anche la carta, in realtà ciò accadeva perché usata male.

Tra gli Anni ’80-’90, quando non si erano ancora diffusi in massa i computer, era d’uopo scrivere qualsiasi cosa a matita o a penna. Di conseguenza, quando si incorreva in qualche errore, non bastava un semplice click sul tasto “cancella” per veder sparire la sezione da correggere e riscriverla d’accapo ma, se si volevano evitare delle cancellature dozzinali fatte con la biro, esteticamente inguardabili, era necessario ricorrere alle gomme da cancellare. Oggi, probabilmente, questa pratica viene applicata quasi esclusivamente sui banchi di scuola, anche se ormai si preferisce utilizzare il cosiddetto “bianchetto” o “scolorina”, molto più semplice e immediato da usare.

In passato, tra le gomme da cancellare, ce n’era una decisamente nota a tutti e, allo stesso tempo, molto “temuta” per gli effetti spesso indesiderati che poteva causare il suo utilizzo. Stiamo parlando della gomma ottagonale blu Pelikan, molto in voga negli Anni ’80-’90, anche se in diverse occasioni si preferiva sostituirla con altri prodotti simili ma decisamente più “dolci” nel far sparire il tratto di penna legato ad un errore commesso. Sì, perché il mitico prodotto da cancelleria aveva una caratteristica che l’ha reso famoso: quasi sempre, quando veniva utilizzato, oltre a portar via con sé il segmento prescelto da cambiare, solitamente rischiava di strappare anche il foglio, creando dei veri e propri squarci sulla carta, facendo disperare in particolar modo gli studenti impegnati, magari, in un compito in classe.

Infatti, quando calava sul foglio, la gomma ottagonale blu, notoriamente sottile e stretta, faceva “tremare le mani”, perché bastava un pizzico di forza in più nel compiere l’operazione di cancellazione, che puntualmente la portava a strappare anche la carta. Difatti, soprattutto gli insegnanti degli Anni ’80-’90 ricorderanno come, nel visionare i quaderni degli alunni, in diverse occasioni ci si imbatteva in pagine semi-distrutte o con vistosi fori, segno che il giovane in questione aveva eliminato qualche errore utilizzando proprio il famoso prodotto della Pelikan. Ma vi siete mai chiesti come mai questa gomma da cancellare fosse in grado di causare questi irreparabili danni? Ebbene, col senno di poi converrebbe fare un bel “mea culpa” perché, in realtà, la colpa non era affatto dell’oggetto in questione, ma piuttosto la nostra, che non sapevamo utilizzarlo correttamente.

Andiamo a scoprire, dunque, come avremmo dovuto usare la gomma ottagonale blu per cancellare i tratti di penna senza intaccare le nostre pagine.

La mitica gomma ottagonale blu Pelikan.
La mitica gomma ottagonale blu Pelikan.