Sega Mega Drive Mini e altri progetti in arrivo?

L’annuncio del progetto Sega Mega Drive Mini potrebbe fare da preludio ad un ritorno dell’azienda giapponese.

Il grande settore del retrogaming prossimamente si arricchirà di un altro importante tassello, destinato a suscitare perlomeno la curiosità dei numerosi fan nostalgici che hanno vissuto l’epopea delle mitiche console degli Anni ’90. Difatti, proprio in questi giorni, Sega ha deciso di lanciarsi a capofitto in un progetto dal sapore decisamente nostalgico che, però, potrebbe gettare le basi per un nuovo futuro per la storica società giapponese. Nel corso dell’evento Sega Fes 2018, infatti, è stato annunciato che entro la fine dell’anno arriverà sul mercato delle retroconsole il Sega Mega Drive Mini, ovvero una versione compatta della leggendaria piattaforma lanciata sul finire degli Anni ’80 e prodotta sempre con grande successo fino al 1997.

L’occasione per ripresentare la leggendaria console a 16-bit che in quel periodo rappresentò una sorta di “rivoluzione tecnologica” per tutti gli appassionati di videogame, entrando di fatto nella leggenda con i suoi circa 30 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo, accompagnati da titoli indimenticabili quali “Golden Axe”, “Sonic 2” e “Streets of Rage 2”, è legata proprio al trentesimo anniversario dalla sua uscita, avvenuta il 29 ottobre 1988. Dunque, entro il prossimo autunno dovrebbe essere disponibile il Sega Mega Drive Mini a partire dal Giappone, mentre negli Stati Uniti e in Europa potrebbe approdare per il periodo natalizio.

Ricordiamo che già nel 2016 era stato riproposto il Sega Mega Drive Classic soprattutto per celebrare i 25 anni dalla nascita di Sonic, ma in quell’occasione si era trattato di una piattaforma realizzata su licenza AtGames. Stavolta, invece, la società di Tokyo starebbe pianificando un investimento diretto, con un’edizione più completa della precedente (dovrebbe ospitare circa 90 storici giochi), destinata ad archiviare per sempre le cartucce e ad avere un design ulteriormente compatto e più vicino alle esigenze della clientela odierna. Naturalmente, si tratta di un’ampia strategia di marketing che punta ad inserirsi nella scia delle “operazioni nostalgia” già attuate da Nintendo che, con NES e SNES Classic, ha ottenuto grande successo nel retrogaming, spingendo altre rivali come Commodore e Atari a riproporre i loro prodotti Anni ’80-’90 in forma rivisitata e adattata alle attuali tecnologie.

Al contempo, sempre durante il Sega Fes 2018, la società nipponica ha comunicato che, nel corso dei mesi estivi, saranno disponibili 15 videogiochi classici per Nintendo Switch, tra i quali ci saranno “Sonic The Hedgehog”, “Thunder Force 4” e “Phantasy Star”. Ma le novità da parte del marchio giapponese non sono ancora finite, poiché è stata anche introdotta Sega Forever, ovvero una piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di tutto il mondo di cimentarsi con diversi titoli leggendari prodotti dall’azienda di Tokyo, sia in forma gratuita che a pagamento, versando 1,99 euro per non essere “interrotti” dalle pubblicità. L’applicazione si può utilizzare sia con sistema operativo iOS che Android.

L’annuncio del ritorno in grande stile di Sega Mega Drive Mini, e questi nuovi progetti della multinazionale nipponica potrebbero non essere fini a se stessi, ma rappresentare un vero e proprio ritorno del colosso Anni ’80-’90 nel mondo della tecnologia videoludica.

Sega Mega Drive Mini in Europa a fine 2018?
Sega Mega Drive Mini in Europa a fine 2018?