Brittany Murphy – Tai Fraiser

Incredibile e quantomai assurdo il destino di Brittany Murphy. Anche per lei, come per Alicia Silverstone, “Ragazze a Beverly Hills” ha rappresentato una grande occasione, poiché il personaggio di Tai Fraiser, la studentessa inizialmente timida e impacciata, è stato il suo primo ruolo centrale che le ha donato un certo successo. L’artista americana, infatti, negli anni a venire ha recitato in numerose pellicole quali “Ragazze interrotte”, “Le ragazze dei quartieri alti” e “Tutte le ex del mio ragazzo”, affermandosi soprattutto come interprete di film d’azione e di personaggi dai risvolti passionali.

Purtroppo, però, nel 2009, a soli 32 anni Murphy è stata trovata priva di sensi nella vasca da bagno della sua casa di Los Angeles. Nonostante l’intervento del personale paramedico, l’attrice è stata dichiarata morta per arresto cardiaco. Dopo una serie di analisi e anche un’indagine da parte dell’autorità giudiziaria, è emerso che l’artista sarebbe deceduta per una polmonite mal curata, anche se ancora oggi non si esclude che la causa possa essere stata una particolare muffa che avrebbe respirato all’interno del suo appartamento. Nel 2014 è stato distribuito al cinema “Something Wicked”, ultimo progetto cinematografico al quale Brittany Murphy aveva preso parte.

Brittany Murphy ieri e oggi.
Brittany Murphy è morta a soli 32 anni.

Paul Rudd – Josh Lucas

Nella popolare pellicola degli Anni ’90, Paul Rudd è stato Josh Lucas, il fratellastro di Cher, uno studente piuttosto pieno di sé, superbo, che vive in modo decisamente superficiale, anche se ha comunque il pregio di essere un aspirante ambientalista. Prima di essere scelto per il lavoro cinematografico di Amy Heckerling, l’attore statunitense aveva lavorato soltanto in qualche piccola produzione per la televisione.

Successivamente, però, è riuscito ad affermarsi come ottimo interprete sia al cinema che in televisione. Tra i suoi film più noti ci sono “L’oggetto del mio desiderio”, “Le regole della casa del sidro” e “Nudi e felici”. Nel 2015 ha anche avuto l’onore (e l’onere) di indossare i panni del supereroe in “Ant-Man”, film della Marvel. Attualmente Paul Rudd non lavora solo come attore, ma anche come sceneggiatore e produttore.

Proprio nel 2018 è tornato a far parte dell’universo Marvel in “Ant-Man and the Wasp”, mentre come produttore ha contribuito alla realizzazione di “The Catcher Was a Spy” per la regia di Ben Lewin.

Paul Rudd ieri e oggi.
Paul Rudd ieri e oggi.