Henry Winkler è vivo e vegeto ed è diventato uno scrittore di fama mondiale

Passato alla storia per il suo indimenticabile Arthur Fonzarelli, nell’ultimo periodo Henry Winkler ha conquistato i fan per un altro personaggio da lui magistralmente interpretato: stiamo parlando di Gene Cousineau, uno dei protagonisti della Serie Tv comica Barry che ha dato alla star americana l’opportunità di aggiudicarsi un Emmy come miglior attore non protagonista.

Ma in questi ultimi anni l’amato Fonzie è salito alla ribalta anche in campo letterario, diventando autore di una saga di romanzi per giovani. Il personaggio centrale si chiama Hank Zipzer, ed è un bambino di 9 anni che soffre di dislessia. L’artista statunitense conosce bene questo disturbo del neurosviluppo, essendone affetto fin dalla tenera età, e per questo motivo nei suoi libri c’è anche tanto della sua esperienza personale. Con grande sincerità, parlando delle sue opere narrative, Winkler ha rivelato che non avrebbe mai pensato di poter vedere un giorno il suo nome associato ad un best-seller: “Pensavo di essere stupido – ha affermato riferendosi al suo problema di dislessia – Quando te lo dicono spesso e sei giovane, accetti quel ruolo che ti hanno assegnato. C’è una componente emotiva, penso, che accompagna la difficoltà nell’apprendimento”.

Il protagonista di Happy Days ha aggiunto che ha appreso di essere dislessico quando aveva ben 31 anni, sottolineando come la scoperta del disturbo in età adulta sia stata da un lato un “sollievo”, ma dall’altra anche fonte di rabbia, essendosi reso conto che da bambino è stato sottoposto a diverse ore di punizione da parte dei genitori per i suoi scarsi risultati scolastici senza averne alcuna responsabilità. E proprio partendo dal suo disturbo del neurosviluppo, Henry Winkler ha preso la decisione di iniziare a scrivere la prima storia di Hank Zipzer che, forte del grande riscontro di pubblico e critica, è diventata una vera e propria collana che si pone l’obiettivo di far conoscere ai più piccoli la dislessia ricorrendo all’arma dell’ironia, per fare in modo che l’opinione pubblica si sensibilizzi su un problema con cui diverse persone devono fare i conti ogni giorno. Infine per l’attore-scrittore questo è anche un modo per provare a dare un aiuto a tutti i genitori di giovani dislessici, fornendogli alcune informazioni su come educarli.

Henry Winkler oggi è uno scrittore di successo.
Henry Winkler oggi è uno scrittore di successo.