Non c’è due senza quattro: un successo soprattutto internazionale

Anche se tutti i fan di Bud Spencer e Terence Hill ricordano a menadito questo film, c’è da dire che al botteghino non ottenne dei grandi risultati. Infatti, in Italia, nella graduatoria relativa agli incassi si fermò addirittura alla 61^ posizione, dietro ad altre pellicole che di certo non hanno fatto la storia del cinema quali “Arrapaho” degli Squallor e “A tu per tu” di Sergio Corbucci. Di tutt’altro tenore, invece, fu il gradimento di “Non c’è due senza quattro” all’estero: il lungometraggio, distribuito da Columbia Pictures in vari Paesi come Stati Uniti, Spagna, Gran Bretagna e Brasile, spopolò tra il pubblico, confermando come la leggendaria coppia di attori fosse ormai ampiamente conosciuta e amata a livello internazionale.

Non c'è due senza quattro: un successo mondiale.
Non c’è due senza quattro: un successo mondiale.

Un film tutto… “brasiliano”

Rispecchiando appieno la trama, il 14° film con Bud Spencer e Terence Hill è stato girato per intero a Rio de Janeiro, in Brasile. Dunque, l’aeroporto che compare nelle sequenze della pellicola è proprio quello della metropoli verdeoro, mentre l’indimenticabile scazzottata al porto è ambientata in un locale che si trovava nei pressi dell’area commerciale del molo. E ovviamente non poteva mancare il mitico stadio Maracanà: infatti la parte in cui viene mostrata la partita di calcio è relativa alla finale di Coppa brasiliana tra Vasco da Gama e Fluminense, disputatasi il 17 maggio 1984.

Non c'è due senza quattro girato in Brasile.
Non c’è due senza quattro girato in Brasile.