Vagabond: ecco la verità sul mitico adesivo Anni '80.

Quando scoppiò la moda degli adesivi, il simbolo fu sicuramente lui, Vagabond.

Tra le grandi, indimenticabili tendenze degli Anni ’80, c’è sicuramente quella degli adesivi. Non stiamo parlando delle “solite” figurine dei calciatori o dei cartoni animati, che ancora oggi – anche se in misura minore – rappresentano comunque un’attrazione per i giovani. Quelli di qualche anno fa erano dei veri e propri adesivi di varie misure e colorazioni: ce n’erano di glitterati, fluorescenti, con i soggetti più svariati e le scritte più fantasiose che, col tempo, cominciarono ad interessare anche le grandi aziende per pubblicizzare i loro marchi. Tuttavia, per collezionarli, non bastava andare in edicola o acquistarli in pacchetti, ma ci si doveva lanciare in una vera e propria caccia allo sticker agognato per far morire d’invidia i propri amici.

Ci si recava nei locali, nei negozi, in qualsiasi attività commerciale per chiedere a dipendenti ed esercenti se per caso avessero qualche adesivo da regalare, nella speranza non solo che fossero disponibili, ma anche che tirassero fuori i soggetti più unici e originali. E se in quel preciso istante entrava un “rivale” che aveva avuto la nostra stessa “idea”, partivano occhiatacce di sbieco, perché era chiaro che il guanto di sfida era stato lanciato, e si temeva che il titolare, innocentemente, riservasse all’avversario di turno l’adesivo più raro, costringendo ad una dura sconfitta, davvero difficile da digerire. Ricordate quando scoppiò la moda degli adesivi Anni ’80 le Vespe, i motorini, le auto (per chi l’aveva…) e anche gli zaini e gli armadi pieni zeppi di queste immagini colorate e anche piuttosto trash? Allora sembrava di essere “ricchi”, e quando si sfoggiavano gli sticker più originali non si mancava di attirare su di sé le attenzioni degli altri “avidi” collezionisti.

Tra i grandi simboli della moda degli adesivi Anni ’80 ce n’era uno, in particolare, che in quel periodo non poteva mancare ai fanatici di questa tendenza e che divenne una sorta di status-symbol per eccellenza. Stiamo parlando di Vagabond, ovvero del famosissimo sticker raffigurante un giovane di spalle con i capelli lunghi, vestito un po’ da nomade con gli immancabili sandali ai piedi, zaino a tracolla ed una chitarra. Dopo l’esplosione iniziale, quest’immagine diventò una sorta di azienda di merchandising, anche se i suoi ideatori, che allora erano ragazzi, furono piuttosto ingenui e non riuscirono ad usufruire degli enormi introiti derivanti dalla caccia al mitico Vagabond, uno degli adesivi Anni ’80 più amati di sempre. Ma qual è la sua vera storia?

Vagabond: l'adesivo più famoso degli Anni '80.
Vagabond: l’adesivo più famoso degli Anni ’80.