Che fine ha fatto Andrea Silenzi, bomber Anni '90?

I suoi anni migliori li ha vissuti nella Torino granata: cosa fa oggi Andrea Silenzi?

I tifosi del Torino lo ricordano con affetto perché con la maglia granata ha vissuto i momenti più alti della sua carriera, mentre quelli del Napoli gli sono “grati” per un’esaltante doppietta segnata alla rivale di sempre, la Juventus. Andrea Silenzi è stato uno dei protagonisti del calcio italiano Anni ’90, anche se ha vissuto annate altalenanti che, probabilmente, non gli hanno permesso di compiere il salto di qualità necessario per approdare in una delle Big della Serie A di quell’epoca. Dotato di una stazza imponente, 191 centimetri per 86 chili, venne giustamente e simpaticamente ribattezzato “Pennellone”.

Dopo aver iniziato a muovere i primi passi nel calcio nelle giovanili del Pescatori Ostia, Andrea Silenzi esordisce come professionista nelle fila della Lodigiani, dove gioca per tre stagioni, mettendo a segno 18 reti in 49 presenze. Nel 1987-1988, il centravanti romano passa all’Arezzo dove, però, non riesce a mettersi in mostra, poiché in 19 gare non lascia mai la firma sul tabellino dei marcatori. Arriva così l’esperienza alla Reggiana a partire dall’estate del 1988 dove l’attaccante italiano finalmente trova il suo ambiente ideale per esprimersi al meglio: con il club emiliano, infatti, il bomber totalizza 67 presenze e 32 goal all’attivo, togliendosi le prime grandi soddisfazioni con una promozione in Serie B e, l’anno successivo, il titolo dei capocannonieri del campionato cadetto con 23 reti che permettono alla neopromossa Reggiana di chiudere all’ottavo posto in classifica.

Le ottime prestazioni fornite in Emilia Romagna attirano le attenzioni del Napoli. Il club partenopeo, dopo aver ceduto Andrea Carnevale alla Roma, decide di puntare proprio su Andrea Silenzi come suo erede, e nel calciomercato estivo del 1990 approda alle falde del Vesuvio per una cifra che si aggira intorno ai 7 miliardi di lire. L’esordio in maglia azzurra del centravanti capitolino è memorabile: il 1° settembre, nel match di Coppa Italia contro la Juventus, il nuovo acquisto dei campani si presenta addirittura con una doppietta segnata ai grandi rivali bianconeri, apponendo una firma decisiva sul roboante 5-1 finale. Peccato, però, che dopo questo debutto da sogno, la sua esperienza in azzurra non sia proseguita nel migliore dei modi: nei suoi due anni “napoletani”, Silenzi mette a segno solo 6 goal in ben 39 gare disputate.

Andrea Silenzi ai tempi del Nottingham Forest.
Andrea Silenzi ai tempi del Nottingham Forest.